Bmw M550i 2020 – la recensione

Potrebbe sembrare un sacco di soldi per un modello sub-M5 a Euro 79.880, ma grazie al prezzo a sei cifre dell’ultimo modello M5 Competition, per non parlare del suo livello sorprendentemente alto di prestazioni, c’è molto spazio per un acquirente che vuole più bocconi nella serie 5 senza raggiungere gli estremi della concorrenza.

Il nuovo M550i è arrivato insieme a un più ampio aggiornamento della gamma della serie 5, portando con sé un nuovo volto, alcuni sottili aggiornamenti tecnologici e nuove opzioni di colore e finiture. L’aggiornamento non è arrivato al punto di cambiare drasticamente il design sottostante e l’architettura degli interni, ma essendo uno dei modelli BMW meno impegnativi da cui attingere, questa non è una brutta cosa.
In effetti, essendo l’unica berlina ad alte prestazioni della sua categoria rimasta con un motore V8, potrebbe effettivamente rivelarsi un affare di prestazioni premium – in termini relativi ovviamente – ma che dipenderà dal carattere come tanto quanto dalle capacità.

Sebbene l’M550i sia nuovo, è stato offerto nei mercati d’oltremare da quando la generazione G30 è arrivata nel 2017. Questa è la prima volta che riceve un propulsore così potente, prendendo in prestito l’ultima versione da 523 CV dell’N63 V8 twin-turbo motore della M850i al posto della precedente unità da 456 CV.

Abbiamo già esaminato l’hardware del motore, ma in breve il pacchetto è pieno zeppo di tecnologia intelligente, tra cui due turbo twin scroll e fasatura variabile delle valvole e dell’albero a camme, iniezione diretta e indiretta del carburante, oltre al sistema di accensione di ultima generazione. I 523 CV risultanti vengono prodotti tra 5500-6000 giri / min, ma sono i 553 Nm di coppia a partire da 1800 giri / min che danno davvero a questo motore i suoi muscoli.

La potenza viene inviata alle quattro ruote tramite il sistema xDrive della BMW e, sebbene sia disponibile una modalità sportiva per la ripartizione della coppia già polarizzata sul retro, gli alberi di trasmissione anteriori non possono essere disattivati completamente come nella M5. La trasmissione stessa è la solita auto a otto velocità di ZF, e c’è un differenziale a slittamento limitato con vettore di coppia M Sport sull’asse posteriore per aiutare a ripartire tutto quel grugnito sotto carico. Per una Serie 5 apparentemente “calda”, il tempo da 0 a 100 kmh è di 3,8 secondi leggermente ridicolo.

Sebbene il propulsore della M550i sia ben dotato, il telaio è relativamente semplice. La sospensione anteriore, come tutte le serie 5 ‘, è a doppio braccio oscillante mentre la parte posteriore funziona è una configurazione multi-link. Ci sono ammortizzatori adattivi montati di serie, ma nessun segno di sospensioni pneumatiche o ammortizzatori interconnessi intelligenti. Non ci sono nemmeno sistemi di mitigazione antirollio attivi, nessun sistema di sterzo della ruota posteriore o persino interferenza lieve-ibrida nel propulsore o nel telaio.

Dal punto di vista delle funzionalità, tuttavia, ci sono molti giocattoli per mantenere interessato anche l’acquirente tecnologicamente più esperto, con un nuovo schermo di infotainment con l’ultimo pacchetto software BMW e tutte le ultime tecnologie di sicurezza e assistenza alla guida. Espandi l’elenco delle opzioni e sono disponibili un eccellente stereo Bowers e Wilkins, telecamere di parcheggio 3D e una grande unità di visualizzazione head up. Il display stesso è così grande che è in grado di proiettare non solo la velocità, ma un’enorme visualizzazione della mappa sul parabrezza che invece di aiutare solo ostacola la visibilità, specialmente quando la mappa è sempre visibile sul quadrante digitale di nuova generazione (ma non migliore) di BMW.

Se salti direttamente nell’M550i da un M5, scoprirai che all’avvio e ai bassi regimi il motore V8 N63 dell’M550i è in realtà il più carismatico dei due. Non sappiamo se abbia qualcosa a che fare con l’induzione più complessa dell’M5 e il layout del turbocompressore non lo sappiamo, ma l’M550i sente il V8 più autentico, il che è una bella sorpresa.

Youtube

 

Tipico di una BMW moderna, la mancanza di feedback iniziale dello sterzo è una delusione, ma la velocità ridotta della cremagliera e lo smorzamento meno aggressivo (rispetto alla M5) consentono di acclimatarsi più rapidamente, sentendosi non meno a suo agio di un normale 5- serie.
Questo fino a quando non inchiodi l’acceleratore, dopodiché il motore colpisce forte, sentendo ogni bit dei suoi 523 CV a qualsiasi regime e con qualsiasi marcia. Man mano che la velocità aumenta, lo scarico rumoroso e profondo svanisce al tipo di rumore piatto e computerizzato che BMW sembra integrare nella maggior parte dei suoi modelli sportivi, ma le prestazioni offerte sono innegabili ed estremamente efficaci. Anche la trasmissione è liscia come la seta e i punti di cambio ben calibrati, il che è in contrasto con alcune “scatole della concorrenza”.

Appoggiati in curva e il peso della M550i si fa sentire nelle curve più strette, ma la corsa è straordinariamente ammortizzata anche in modalità sportiva e le sospensioni non hanno problemi ad assorbire le intrusioni della superficie senza sentirsi fragili o far cadere l’auto fuori linea. Metti gli ammortizzatori nella loro posizione più stabile, fai scorrere il controllo di stabilità nella sua modalità M Sport e mentre il 550i non è giocoso nel tradizionale senso di sovrasterzo su richiesta, regolerà la sua linea uscendo da un angolo senza la necessità di applicare necessariamente un qualsiasi blocco opposto. È un’auto intuitiva e soddisfacente su una strada impegnativa, purché ti mantieni nella sua zona di comfort. Se inizi ad essere cattivo, la sua totale mancanza di controllo laterale del corpo si manifesta, ricordandoti che questa è un’auto grande sia per massa che per dimensioni fisiche. È a questo punto che si mostrano i limiti dell’M550i, che in genere è il punto in cui un M5 inizia a prendere vita. I freni hanno molta potenza di arresto sulla strada, ma sono un po’ morbidi sull’ingresso del pedale iniziale.

Quindi è una concorrenza M5 a un prezzo ridotto? No, non proprio, ma significherebbe ignorare il mandato di questo M550i. Oltre gli otto decimi di differenza e la natura aggressiva, un po’ selvaggia della M5 mostra dove lo sviluppo di queste due auto divergono, ma per l’80% delle volte la guida più flessibile della M550i, il propulsore soddisfacente e il fattore freddo sotto zero lo rendono ancora profondamente attraente alternativa.
A Euro 79.880, l’M550i si trova a un prezzo curioso che riesce a far sembrare quella che è ancora una cifra alta un buon valore. Tutti i componenti dinamici sono inclusi di serie, oltre a finiture in pelle di alta qualità, tecnologia di fascia alta, sedili incredibilmente comodi e interni ben costruiti. Vuoi divertirti con grandi stereo, fari laser assistiti o banchi massaggianti dovrai pagare un extra, ma anche a pieno carico di tutti i giocattoli si arriverà “solo” a Euro 88.100, un pesante Euro 22.274 in meno rispetto a un M5 Competition di base.

I rivali sono un caso curioso, tuttavia, con Audi che vende essenzialmente due diversi modelli S6 con l’unico moniker. Questo perché mentre l’Audi S6 potrebbe partire da Euro 70.319, è piuttosto netto in termini di kit standard e tecnologia del telaio, il che significa che dovrai spendere un enorme Euro 91.123 per il modello Vorsprung per l’esperienza di sterzata integrale con sospensioni pneumatiche. Non importa quanto hardware stravagante venga lanciato sul nuovo S6, perché entrambi hanno un problema chiave che per molti sarà un vero problema. Ricordi quando la S6 ospitava un motore V10 ad aspirazione naturale nel suo corpo elegante e senza pretese? Bene, le cose sono cambiate, e con il sistema ibrido leggero o meno, l’attuale propulsore turbo diesel V6 da 3 litri della S6 è profondamente deludente, e in compagnia dell’M550i da 523 CV sembra più che mite con i suoi 344 CV.

L’E53 di AMG almeno si attacca a un propulsore a benzina, ma è anche un’unità ibrida leggera a sei cilindri che, sebbene impressionante in isolamento, non ha ancora le massime prestazioni del V8. A euro 70.637 la proposta di valore è più forte da compensare e, a differenza dell’Audi, praticamente tutto è gettato in termini di specifiche, ad eccezione di un singolo pacchetto di opzioni con un tetto in vetro e un’illuminazione interna più elegante (cioè che distrae). Tuttavia, non è altrettanto soddisfacente su una strada impegnativa e rimane un po’ piatta rispetto al brutale propulsore della M550i.

 

 

Share This Post On
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: